mercoledì 29 gennaio 2014

un cuore per la Gioebia

La Gioebia di Varese Città

La Giöbia, detta anche “puscena di donn”, si festeggia l’ultimo Giovedì di Gennaio, ed è la risposta femminile alla “puscena di oman” tradizionalmente festeggiata il terzo Giovedì di Gennaio.
Inizialmente il ritrovo si limitava al dopo-cena (da qui la parola puscena) in una stalla par fa “dü ciacer tra donn” mentre si cuciva o si ricamava. I primi ritrovi femminili dopo cena sono dovuti al fatto che proprio a fine Gennaio gli uomini partivano per andare all’estero a cercare lavoro per poter sopravvivere e mantenere la famiglia. Prima della partenza veniva regalato a moglie o fidanzata un dolce dagli ingredienti poveri e a forma di cuore, per mostrare amore e gratitudine. Per convivere con la malinconia le donne si radunavano per non sentirsi sole. Con il tempo però si è trasformata in una festa vera e propria che si svolgeva in una cascina e comprendeva anche una cena con prodotti tipici nostrani invernali: fagioli, verze e cotechini alla griglia. Anche la tradizione del cuore dolce è rimasta, trasformandosi in segno d’amore o promessa di matrimonio. Ancora adesso,in prossimità dell'ultimo Giovedì del mese di Gennaio, se fate un giro in centro a Varese, troverete in vendita nelle pasticcerie più tipiche e tradizionali della città, dei cuori dolci da regalare alla donna amata.

LA GIÖBIA

No l’è minga giusta inscì adess cunt ul frecc c’al fa
No l’è minga giusta inscì vi altar duì partì
Partì par andà in dua a fa la guera o a laurà
No l’è minga giusta inscì sti via ann da cà

La lüs de la lüm ma fa vidé vidé la strava
De ‘na cà visina in dua i donn sa trövan
Cunt la nev o ul suù giazà dul mes da Genar
Sa pö sta mia da par nünch dumà a pensà

La püscena da Vares la giöbia
L’ültim giuedì dul mes da Genar
L’è stà inscì ca l’è partìda la tradiziun
Divegnüda pö la festa de la Giöbia (2 volte)

Mò i ann in pasà, i oman van pü via de cà
Ma la tradiziun tra donn a l’è restada
Anca i tusàn chi da marì sa trövan
E i fiö a podan dagh un cör fai da bun bun

E la tusa emuziunada la ven un zich rossa
E ul fiö ga fa capì ca lü la vör spusà
Eccu trasfurmada ‘na sira de l’invernu
In un mument cald d’amur e de felicità



(testo tratto dalla canzone presente nel CD "I stagiun da Vares)




Nessun commento:

Posta un commento